• Sofia Guantana

Lo stile più morbido di Biden potrebbe ''abbassare la temperatura'' della presidenza

C'è stato un momento, quando Joe Biden stava rispondendo alle domande della stampa, in cui si è fermato nel tentativo di evitare di generare titoli infuocati. 
















"Come posso dirlo con tatto?" chiese.

Questo è in netto contrasto con il presidente in carica, che non mette il tatto in cima alla lista delle virtù del parlare in pubblico.

C'è molto a cui abituarsi con un nuovo presidente eletto, e questo include stranezze, tono e tic verbali, tutti parte di come sceglie di comunicare. 




















Lo stile di Biden è informale, pieno di "gente" e "ecco l'accordo" e "malarkey". Ma può anche essere prolisso alla moda del Senato e inciampa regolarmente nelle sue stesse parole.   

Quello che sta facendo ora è cercare di abbassare la temperatura in un momento in cui Trump è all'attacco, lamentandosi di un'elezione rubata e lanciando accuse non dimostrate di frode diffusa.


La maggior parte delle domande dei giornalisti all'evento del Delaware di martedì riguardavano una versione del perché Trump ti ha rovinato, invece di insistere sui suoi piani e priorità:

"Come ti aspetti di poter lavorare con i repubblicani quando così tanti si sono finora rifiutati di riconoscere la tua vittoria?"

"Hai provato a contattarti? Al presidente? " 

"Come andrai avanti se il presidente continua a rifiutarsi di concedere?"

"Cosa dici agli americani che sono ansiosi per il fatto che il presidente Trump deve ancora concedere e cosa potrebbe significare per il paese?" 

È stata quest'ultima domanda a produrre la risposta più forte di Biden, ma che ha rapidamente coperto.


“Beh, penso solo che sia imbarazzante, francamente. L'unica cosa che ... come posso dirlo con tatto? ... Penso che non aiuterà l'eredità del presidente. "

Anche quando i giornalisti hanno chiesto della GSA che bloccava gli assistenti di Biden dagli edifici federali, e Mike Pompeo che diceva che ci stiamo dirigendo verso una "seconda amministrazione Trump", Biden ha respinto la questione, dicendo che la sua transizione sta andando bene.

Questa è una conseguenza della strategia che Biden ha seguito durante la campagna, dove ha preso i suoi colpi al presidente ma ha resistito a essere coinvolto in scambi tit-for-tat e battibecchi su Twitter.

Alcuni democratici hanno apertamente aggredito quell'approccio, credendo che Biden dovesse rispondere a ogni pugno con un contraccolpo, e ha colpito di più la pista mentre Trump teneva diverse manifestazioni al giorno. Ma il campo di Biden si è accontentato di lasciare che il presidente dominasse le notizie, credendo che questo avesse reso le elezioni più di un referendum.

Siamo così abituati a tale dominio che sembra strano che Trump non abbia parlato in pubblico per una settimana, emergendo ieri solo per deporre silenziosamente una corona del Veterans Day ad Arlington. È stato attivo su Twitter ("BALLOT COUNTING ABUSE!") Ma non di persona. 

Tutto ciò ha prodotto un'atmosfera surreale in cui i leader mondiali chiedono di congratularsi con Biden ma Trump insiste che le elezioni non siano finite. Un nuovo sondaggio Reuters / Ipsos afferma che il 79% degli intervistati riconosce che Biden ha vinto, di cui circa sei repubblicani su 10, ma non la maggior parte dei funzionari eletti del GOP.

Quando Biden, l'altro giorno, ha ripetuto la sua richiesta agli americani di indossare le maschere, era una presentazione che aveva fatto molte volte prima. Ma le sue parole sembravano avere più peso a causa del suo nuovo status.


Proprio come la stampa si è meravigliata quando Jerry Ford ha tostato i suoi muffin inglesi, Jimmy Carter ha portato le sue valigie e Reagan governato in parte dal suo ranch, un presidente entrante ridefinisce le nostre aspettative.

Biden, che ha costantemente parlato di unità, segnala un approccio più calmo e meno frenetico allo Studio Ovale. Se questo sia sufficiente per combattere l'iperpartitismo di Washington nel mezzo di una pandemia diventerà presto chiaro.

News Italia 24 non è una testata giornalistica, non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62/2001. Viene considerato un aggregatore di lanci brevi di “notizie”, piccoli frammenti, aggiornati senza periodicità. Alcuni testi citati o immagini inserite sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore vogliate comunicarlo via e-mail per provvedere alla conseguente rimozione o modificazione.

1 visualizzazione